perché i rapper lanciano l'acqua al pubblico, rapper, musica, concerti, acqua, pubblico, divertimento, spettacolo, performance, artisti, cultura musicale, hip-hop, intrattenimento, tradizioni, trend, imitazione, originalità, impatto ambientale, attenzione al pubblico, guasti tecnici, atmosfera, energia, emozioni, show live, esperienza, interazione, coinvolgimento, esibizioni, successo, fama, artisti emergenti, influencer, moda, stile, scena musicale, sound, beat, rap, testi, flow, rimandi culturali, sperimentazione, ricerca, innovazione, divertimento responsabile, pubblico giovane, social media, tour, backstage, musica dal vivo

Perché i rapper lanciano l'acqua al pubblico?

Poitta funti tontusu. Ecco perché i rapper lanciano l’acqua al pubblico.

Eccomi qui pronto a scrivere l’articolo dal titolo “Perché i rapper lanciano l’acqua al pubblico”, ed iniziando con un po’ di sarcasmo: poitta funti tontusu, che in sardo significa “perché non sono brillanti”. Beh, a pensarci bene, c’è molto di vero in questa affermazione.

Ma perché? Poitta? Che senso ha

Il lancio dell’acqua al pubblico durante un concerto sembrava essere diventata una sorta di tradizione tra i rapper americani, e molti rapper italiani sembrano averla adottata come loro. Ma la domanda sorge spontanea: perché farlo?

La risposta è abbastanza semplice: perché lo vedono fare da altri. Certo, può sembrare divertente e coinvolgente, ma in realtà è una cosa inutile e potenzialmente dannosa.

Perché i rapper lanciano l'acqua al pubblico e perché non dovrebbero farlo

Innanzitutto, lanciare l’acqua al pubblico può causare danni agli impianti elettronici, oltre che a molte altre cose presenti sul palco. Ma il problema più grande è rappresentato dalle persone presenti tra il pubblico. Nessuno vuole essere bagnato durante un concerto, specialmente se si è vestiti in modo appropriato per l’occasione.

Inoltre, molte persone potrebbero avere problemi di salute, come ad esempio chi soffre di asma o di allergie, che potrebbero essere aggravati dall’acqua.

E poi c’è la questione del rispetto del pubblico. Se qualcuno viene a un concerto, lo fa per ascoltare la musica e godersi lo spettacolo, non po si rinfrèskai. 

Evitate di lanciare l'acqua al pubblico che non siete a sorso

Ci sono tante altre attività che si possono fare per rinfrescarsi durante una giornata calda, come fare un tuffo al mare o bere un bicchiere d’acqua fresca.

perché i rapper lanciano l'acqua al pubblico, rapper, musica, concerti, acqua, pubblico, divertimento, spettacolo, performance, artisti, cultura musicale, hip-hop, intrattenimento, tradizioni, trend, imitazione, originalità, impatto ambientale, attenzione al pubblico, guasti tecnici, atmosfera, energia, emozioni, show live, esperienza, interazione, coinvolgimento, esibizioni, successo, fama, artisti emergenti, influencer, moda, stile, scena musicale, sound, beat, rap, testi, flow, rimandi culturali, sperimentazione, ricerca, innovazione, divertimento responsabile, pubblico giovane, social media, tour, backstage, musica dal vivo

Il lancio dell’acqua al pubblico è una cosa che andrebbe evitata, a meno che non sia parte integrante dello spettacolo e sia previsto dallo show. Altrimenti, i rapper dovrebbero concentrarsi sulla loro musica e lasciare il compito di fare i bagnini ai professionisti del settore.

Che poi se proprio volete fare i bagnini, perché non provate a mandare cv? Non è meglio mettersi a disposizione di qualche spiaggia della Sardegna dove le acque cristalline sono molto più invitanti?

perché i rapper lanciano l'acqua al pubblico, rapper, musica, concerti, acqua, pubblico, divertimento, spettacolo, performance, artisti, cultura musicale, hip-hop, intrattenimento, tradizioni, trend, imitazione, originalità, impatto ambientale, attenzione al pubblico, guasti tecnici, atmosfera, energia, emozioni, show live, esperienza, interazione, coinvolgimento, esibizioni, successo, fama, artisti emergenti, influencer, moda, stile, scena musicale, sound, beat, rap, testi, flow, rimandi culturali, sperimentazione, ricerca, innovazione, divertimento responsabile, pubblico giovane, social media, tour, backstage, musica dal vivo

Potrebbe interessarti anche

Booking.com