Ragazzo getta gattino a Lanusei: un atto di crudeltà che sconvolge

Ragazzo getta gattino a Lanusei: un atto di crudeltà che sconvolge

ragazzo getta gattino Lanusei

Segnalazioni e Denuncia

Abbiamo ricevuto molte segnalazioni riguardo a un video che sta circolando in queste ore. Nel video, una banda di ragazzini, tra cui il responsabile nato nel 2008, lancia un cucciolo di gatto da un burrone, ridendo scherzosamente. Loro stessi si sono ripresi durante questo crudele gesto e il video probabilmente circolava già su WhatsApp senza censure. Il ragazzo del 2008 è già stato denunciato ai carabinieri.

Post su Instagram: Denuncia di crudeltà verso un gattino a Lanusei
Motivi della Censura

Abbiamo preferito non mostrare le facce e censurare i volti dei protagonisti del video perché sono minorenni. Tuttavia, ciò che più ci turbava non era tanto il fatto delle querele, ma la crudeltà del gesto, che il 98% dei nostri follower condanna fermamente. Temiamo che, per un atto simile, le persone si vendicherebbero con una tale ferocia che potrebbe portare a gravi conseguenze per i ragazzi coinvolti. Non vogliamo avere nessuno sulla coscienza, nemmeno chi ha compiuto questo gesto orribile.

Video del ragazzino che lancia un cucciolo di gatto da un burrone in Sardegna

Con i volti inizialmente censurati, abbiamo caricato il video su Telegram nel nostro canale ufficiale. Tuttavia, dopo che il ragazzino ha iniziato a pubblicare stati pubblici sui social in cui rideva e dichiarava frasi come “state facendo tutto questo casino per un gatto quando muoiono ogni giorno persone”, abbiamo scelto di pubblicarlo senza censure.

 

Reazioni del Pubblico

Risposta controversa su Instagram in merito alla pubblicazione di un video che mostra un atto di violenza animale. Il commento, censurato per motivi di privacy, esprime opinioni divergenti sulla divulgazione di contenuti sensibili.

Abbiamo ricevuto anche commenti negativi, come se la colpa fosse nostra per averlo pubblicato, non capendo che si tratta di sensibilizzazione. Alcuni ci hanno accusato di farlo per ottenere like, ma se avessimo potuto scegliere tra ottenere 10 milioni di like o impedire questo gesto crudele, avremmo scelto la seconda opzione. I like li avremmo ottenuti comunque, anche senza questo video, che avremmo preferito non ricevere e che proprio non fosse accaduto.

Risposta controversa su Instagram in merito alla pubblicazione di un video che mostra un atto di violenza animale. Il commento, censurato per motivi di privacy, esprime opinioni divergenti sulla divulgazione di contenuti sensibili.

Responsabilità e Sensibilizzazione

Nel tempo di mezz’ora, abbiamo ricevuto il video da sei diverse persone, supplicandoci di condividerlo. È inaccettabile che nel 2024 accadano ancora queste cose, e ancora più deludente che accadano in Sardegna, ma purtroppo le persone cattive e senza un briciolo di cervello sono ovunque. C’è da dire che spesso la colpa non è nemmeno dei genitori.

Cosa significa Sensibilizzazione e sensibilizzare qualcuno?

Sensibilizzare qualcuno significa renderlo più consapevole, cosciente e partecipe di un problema o di una situazione, spesso focalizzandosi su aspetti ritenuti importanti e urgenti della società o dell’ambiente circostante. Lo facciamo con la speranza di aprire gli occhi, soprattutto se ci sono persone che possono erroneamente approvare o commettere gesti come quelli discussi, auspicando che ciò possa prevenire tali comportamenti in futuro.

 

Hanno sollevato critiche anche per il video del ragazzo che getta un gattino a Lanusei

Abbiamo ricevuto messaggi sul sito web in cui ci veniva detto che avrebbero preso provvedimenti. Non sappiamo se chi ha scritto è la mamma o il padre, ma questo ci è stato comunicato. A volte non censuriamo e veniamo criticati per la privacy, altre volte censuriamo e ci viene detto che non avremmo dovuto farlo. In questo caso, hanno ragione: il ragazzino si meritava di essere messo alla gogna, però bisogna ragionare. Non avrebbe avuto senso esporre il suo nome, cognome, foto e profilo Facebook, rischiando conseguenze gravi. Siamo contenti di non averlo fatto.

Hanno sollevato critiche a Welcome to Sardegnas anche per il video del ragazzo che getta un gattino a Lanusei

Mobilitazione Generale per il Gatto Maltrattato: Enrico Rizzi Guida la Protesta il 14 Luglio 2024

Enrico Rizzi, attivista per i diritti degli animali, ha organizzato una mobilitazione generale in risposta a quanto accaduto. Come sempre, Rizzi è in prima linea per difendere gli animali e, infatti, domenica 14 luglio 2024, arriveranno persone da tutta Italia e da tutta la Sardegna nel paese del ragazzo per partecipare alla manifestazione organizzata da lui.

Ragazzo Non Pentito per il Maltrattamento del Gatto: Attenti ai Profili Fake su TikTok

Il ragazzo ha pubblicato diversi post su Instagram in cui non mostrava alcun segno di pentimento, come già menzionato. Potete vedere questi post sul nostro account Instagram ufficiale. Tuttavia, come spesso accade, stanno spuntando profili falsi con il suo nome su TikTok, creati da sciacalli che sfruttano il nome molto cercato sul web per ottenere follower. Fate attenzione a ciò che vedete e non credete sempre a tutto. 

Queste cose non devono più succedere. Come si può lanciare un piccolo gattino da un burrone? È un gesto da persone con il cervello poco funzionante che non possiamo tollerare.

Potrebbe interessarti anche

Le Migliori Offerte di Amazon su Telegram

  • Tutti gli articoli
  • Acquisti Online
  • Animali
  • Arte
  • Artigianato
  • Cibo
  • Cinema
  • Comuni
  • Consigli
  • Cucina
  • Cultura
  • Curiosità
  • Divertimento
  • Estate
  • Feste
  • Gadget
  • Giochi
  • Guadagnare Online
  • Idee Regalo
  • Informazione
  • Internet
  • Leggende
  • Libri
  • Lingua Sarda
  • Musica
  • Offerte
  • Sardegna
  • Satira/Black-Humor
  • Sport
  • Storia
  • Tradizioni
  • Turismo
  • Uncategorized
  • Voli
Altro

Fine del contenuto.

Seguici

Tra ironia, divertimento e critiche sociali: uno sguardo alle realtà sarde.